TIERRA SECA | un viaggio fuori dall’Italia ai tempi del COVID | tra precarietà e cambiamento climatico | ROCCO MURARO periodista freelance | presentazione degli episodi a cura di AP/CCC

«Oggi è più difficile vivere».

Con questa semplice, emblematica, frase, estratta dalla presentazione del progetto TIERRA SECA di Rocco Muraro Giraud, vi presentiamo lo straordinario viaggio che sta compiendo un nostro caro amico, catalano di nascita, ma veneto di origini, essendo uno dei nipoti della numerosa Famiglia Muraro della Città di Montecchio che ha già dato grandi prove di forze intellettuali e civili, a tutti i livelli. Un viaggio “straordinario” perché fuori dagli ordini stabiliti, pure del nostro immaginario, oppresso dalle restrizioni COVID emanate dagli oramai celebri e inquietanti DPCM – Decreti del Presidente del Consiglio dei Ministri – divenuti il contrario di ogni solida immaginazione. Di libertà.

Alberto Peruffo, che ci accompagnerà periodicamente alla scoperta dei vari episodi, ce lo presenta in questo modo:

«Il viaggio di Rocco Muraro è un viaggio di coraggio e civiltà ai tempi del Covid 19, nei mesi che ci vedono rinchiusi dentro a dei “confini sanitari” che rischiano di addormentare le nostre capacità di relazione e di confronto non tanto e non solo all’interno delle nostre piccole o grandi comunità, ma pure nei confronti delle altre parti del mondo che stanno vivendo la nostra stessa drammatica realtà.

Il rischio che tutti corriamo è l’isolamento cognitivo e immaginifico, non solo fisico. In parte molto simile a quello vissuto dai nostri ragazzi con il problema delle scuole chiuse. Un rischio tuttavia più pericoloso, perché per adulti. Soprattutto se consideriamo la prima politica, la reale vita intessuta di complesse relazioni sociali, che sorpassa e alimenta le parti in perenne lotta, a volte misera lotta, tra di loro.

Il confinamento sanitario nasconde infatti premesse sociali e ambientali che, per certi aspetti, sono le cause remote dei rischi pandemici contemporanei, come il cambiamento climatico e la devastazione ambientale dei territori di prossimità. Consideriamo ad esempio l’abbandono delle terre rurali un tempo fertili, soprattutto a scapito della vita “pigiata” nelle città, conglomerati sempre meno comunitari dominati dal profitto delle grandi imprese capitaliste nazionali e transnazionali, che estraggono non solo lavoro, ma pure risorse ambientali, degradando persone e ambiente in modo irreversibile, provocando crisi economiche e austerità a proprio piacimento
, controllando i nostri gusti e direzionando le nostre scelte grazie alla pressione digitale, il “nuovo ambiente” contaminato/contaminante che ancora poco conosciamo e dove le armi di difesa non sono ancora così raffinate, quanto quelle di coloro che producono queste nuove tecnologie di massa.

Giornalista e sociologo, nato nel 1981 a Terrades, Catalogna, sul confine con la Francia, a vista dei Pirenei, Rocco ci porterà a vedere come si vive nella periferia del “nostro” impero, l’Impero Tardocapitalista d’Occidente (così io lo chiamo), attraversando le terre di una Penisola Iberica che più di ogni altra parte d’Europa rischia la desertificazione per la scarsità d’acqua, il bene primario più prezioso. Bene ora fatto oggetto di finanza dalla Borsa, o avvelenato nel suo profondo, come nel Veneto, da cui vi scrivo. Rocco ci mostrerà la difficoltà di vivere causate dalle crisi dei grandi mercati, testimoniando il disagio dei piccoli negozi di vicinato, l’abbandono delle Terre Alte, l’umanità degli emarginati e dei nuovi arrivati, per andare a concentrarsi sulle grandi urbanizzazioni che sono state una costante sociale del secolo scorso, a livello globale, divenendo accentratrici della “distrazione di massa”, del turismo e soprattutto della disperazione per trovare pane e lavoro. Si pensi alle grandi megalopoli dell’America Latina, dove Rocco ha vissuto e insegnato, come presso le favele di Manau o l’Università indigena del Venezuela.

Cosa ci riserverà quindi il futuro? Quali sono le esigenze, le aspettative, i sogni, i desideri degli abitanti delle periferie e dei centri cittadini, della gente comune, del popolo che si incrocia lungo la strada di una terra che si fa sempre più secca?

Confrontandoci con l’alterità (anche fono-linguistica, davvero affascinante, pure per chi conosce poco lo spagnolo e il catalano), quindi uscendo “culturalmente” dalle nostre case, soprattutto ora, in tempo di Covid, grazie al viaggio di giornalisti di frontiera coraggiosi, potremmo trovare le risposte e le soluzioni per tornare a vivere bene insieme. Come comunità. Rocco ha scelto la via della videoscrittura di strada per raccontarci quello che vede. La sua abilità narrativa e capacità di relazioni, di fare le domande giuste e di ascoltare, sono notevoli e assolutamente non comuni. E potrà aiutarci ad elaborare quelle risposte. Mi ricorda un Paolo Rumiz, che ha dimenticato la penna e ha portato con sé oralità e visione. Un paragone non da poco. Ma che faccio perché conosco bene Rumiz. Anche lui di passaggio in questo luogo magico che rimane la mia piccola libreria. Rocco è passato in questi giorni di inizio anno. Ora lo consegno a voi. Selezionate i sottotitoli in italiano. Non ve ne pentirete.

Y – para todos – que tengas un buen viaje!».


ap
Montecchio Maggiore
20 gennaio 2021

alberto_peruffo_CC

ANTERSASS CASA EDITRICE

+++

Alberto Peruffo, per CCC/Antersass Casa Editrice, presenterà i singoli episodi, che saranno rilanciati nelle sue reti con la periodicità di 15 giorni circa. Restate in contatto con i profili FB riportati sotto si quali saranno pubblicate le presentazioni per gli amici di lingua italiana.

Di seguito riportiamo periodicamente le brevi presentazioni degli episodi.

+++

6 febbraio 2021
SECONDO EPISODIO
IL DRAMMA DELLA MONOCULTURA
«SENZA TURISTI, LA POVERTÀ INCOMBE»

Nel mentre nell’Italia dei Draghi si ha sempre più fame di soldi – e non di pane – con il secondo prezioso episodio di Tierra Seca Rocco Muraro ci apre le porte del cuore rappresentato dal dramma sociale del lavoro, soprattutto quando nasce e si alimenta nella monocultura. Entreremo nel Banco alimentare di Lloret de Mar, celebre città del turismo iberico, messa in ginocchio dalle restrizioni Covid. Persone in difficoltà e senza lavoro si rifugiano nelle strutture di aiuto sociale, nel mutualismo, come accade nella nostra città di Vicenza, dove associazioni come il Caracol Olol Jackson mettono a disposizione dei cittadini servizi di sostegno – come il nascente banco alimentare – e di cura – come il nuovo ambulatorio popolare. Rocco incontra albergatori senza speranza, lavoratori precari del turismo, immigrati capitati in una terra “secca” di futuro: «questo è il collasso totale della Spagna, dell’Europa, dell’Africa, di tutto il resto… della madre mia» – dice il testimone di una città “deserta” di opportunità. Spesso ci dimentichiamo che il dramma della monocultura, lo sfruttamento a senso unico delle risorse e delle persone, sono tra le cause remote della pandemia in corso, non solo della patologia, ma anche della nostra capacità di reagire. Per questo è importante riflettere e scendere in piazza per parlarne e discuterne come capita oggi pomeriggio a Vicenza e in molte piazze italiane, dove si affronterà il tema della Salute: l’ultimo tassello della crisi di un intero sistema. Cambiamo sguardo, entriamo in Spagna. Seleziona i sottotitoli in italiano e buona visione.


20 gennaio 2021
PRIMO EPISODIO
LA LENTA AGONIA DEL COMMERCIO LOCALE
Nel primo episodio Rocco ci accompagna per le strade e i negozi di Figueres, il capoluogo della comarca dell’Alt Empordà, città turistica a vista della Costa Brava che diede la vita e la morte a Salvador Dalì. Ascolteremo l’appassionato racconto di una giovane donna che aveva da poco aperto un’enoteca, le discrete voci all’interno di un panificio, le testimonianze preziose di cittadini e di altri negozianti, il fatalismo di giovani immigrati e il canto di un emarginato: su tutti incombe il Covid e un modello di sviluppo che già portava le persone a distaccarsi tra di loro. Molte delle quali incollate a dei piccoli schermi. I ritmi di crescita di Amazon e del Coronavirus sembrano procedere paralleli, in una simbiosi globale, annichilendo quanto dice il cartolaio: «Quando compri in un negozio di quartiere, o quando acquisti in un negozio locale, stai facendo un favore a te stesso e al vicino. […] E penso che questa sia una ricchezza che stiamo perdendo». Seleziona i sottotitoli in italiano e buona visione.

PROFILI DI LANCIO DEGLI EPISODI
>> Primario > https://www.facebook.com/alberto.peruffo
>> Secondario > https://www.facebook.com/groups/fratelloribelle
>> Altri locali, possibili e una tantum > Sei di Montecchio > Caracol Olol Jackson > Acqua Bene Comune > Rete Gas

Sito ufficiale del progetto >> https://roccomuraro.com/
Canale youtube >> https://www.youtube.com/channel/UC5SyThctmq0ihEqdtKamzgg
Instagram >> @roccomuraro

SCARICA LA PRESENTAZIONE UFFICIALE DEL PROGETTO IN ITALIANO

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...